News

A/I/S/Design: Call for Papers
Uscirà ad aprile 2015 il numero 5 della rivista “AIS/Design. Storia e Ricerche”, promossa dall'Associazione italiana degli storici del design. A cura di Fiorella Bulegato, Maddalena Dalla Mura e Carlo Vinti, è dedicato a 'I designer e la scrittura nel Novecento': il rapporto tra designer e scrittura e il suo influsso sulla cultura del design nel Novecento. La redazione invita a proporre articoli su questo tema entro il 10 ottobre.

"Attraverso tutto il Novecento", spiegano i curatori, "la cultura del design si è sviluppata anche grazie a un diretto coinvolgimento dei designer nella scrittura. I progettisti hanno scritto sul proprio lavoro e su quello di altri designer; steso manifesti programmatici ed elaborato testi cruciali per il dibattito sulla disciplina; ricostruito dal proprio punto di vista numerose vicende della storia del design; fondato e diretto pubblicazioni periodiche; pubblicato libri e manuali didattici.

"Alcuni designer, inoltre, hanno curato anche il progetto grafico dei propri scritti e delle proprie pubblicazioni, elaborando in alcuni casi nuove forme di scrittura che esaltano la componente visiva del testo. Oltre che nel percorso individuale di alcuni designer, l’intreccio fra design e scrittura ha avuto una particolare evidenza in alcuni contesti nazionali e in specifici momenti storici.

"In Italia, ad esempio, fin dagli anni trenta si è sviluppata una tradizione importante di progettisti che si sono distinti per una prolifica e assidua attività di scrittura, integrando pratica professionale e riflessione critica, e contribuendo ad alimentare il sistema di produzione e mediazione della cultura progettuale italiana.

"In anni recenti – anche sull’onda di una maggiore attenzione per la critica del design e dell’emergere di un design spesso definito “critico” –  non sono mancati segnali di un crescente interesse verso la relazione fra scrittura e design, anche nei suoi sviluppi storici (si veda in particolare Writing design: Objects and words, a cura di Grace Lees-Maffei, Berg 2012). Tuttavia, l’influenza che ha avuto nella cultura del design la scrittura teorica, critica, storica, programmatica, divulgativa e pedagogica dei designer attende ancora di essere studiata a fondo.

"Questo numero di “AIS/Design Storia e Ricerche” mira a indagare le varie forme di scrittura nelle quali si sono cimentati i designer e intende raccogliere riflessioni originali sul ruolo della scrittura nella pratica dei designer in diversi contesti culturali e congiunture storiche del Novecento; in particolare, ricerche e studi che, integrando analisi della letteratura e fonti primarie, affrontino uno o più dei seguenti aspetti:

  • il ruolo dei designer nell’elaborazione del discorso teorico, critico e storico relativo al design.
  • il ruolo che la scrittura ha avuto nella pratica progettuale e come pratica progettuale, nel percorso di singole figure, gruppi o movimenti, e in particolare all’interno di quegli orientamenti del design con una forte componente concettuale e auto-riflessiva.
  • l’influenza che gli scritti prodotti dai designer hanno avuto in diverse lingue e contesti nazionali (anche attraverso traduzioni e curatele).
  • il contributo di riviste, pubblicazioni e collane editoriali dirette da designer al dibattito teorico-critico sulla professione/disciplina e alla mediazione della cultura del design verso pubblici diversi, non solo specialistici.
  • le qualità specifiche della scrittura dei designer all’interno di generi diversi come: la manualistica e l’editoria didattica, l’auto-narrazione e la testimonianza biografica, il saggio polemico, la critica, le rubrica, la cronaca e l’editoriale di rivista ecc.
  • il caso di designer che abbiano ricoperto contemporaneamente ruoli di autore, curatore e progettista del prodotto editoriale, coniugando elaborazione testuale e progetto grafico."

Tutte le proposte e i contributi saranno sottoposti a blind-review.

Le scadenze

  • Entro il 10 ottobre: invio dell’abstract con la proposte di contributo (per un massimo di 300 parole o 2000 battute). Completo di titolo, deve essere accompagnato da 5 parole chiave e deve essere consegnato in italiano e in inglese.
  • Entro il 12 gennaio 2015: invio della versione integrale del contributo, impostato secondo le norme redazionali della rivista e completo di abstract, parole chiave, biografia dell’autore, immagini, didascalie (si veda sotto “Tipologie di contributi e preparazione dei materiali”);
  • Entro il 6 febbraio 2015 gli autori saranno informati della accettazione finale del loro contributo;
  • Entro il 2 marzo 2015: consegna della versione definitiva dei contributi per la pubblicazione.

Tutte le consegne devono pervenire all’indirizzo editors@aisdesign.org e in copia per conoscenza a  journal@aisdesign.org.

Tipologie di contributi e preparazione dei materiali

I contributi proposti devono essere testi originali. Contributi che non rispondano agli obiettivi della rivista, che siano già stati presi in considerazione da altre pubblicazioni, che siano apparsi in riviste o libri in italiano o altre lingue, o che siano repliche, nelle parole o nel senso, di lavori già pubblicati, potranno essere rifiutati senza peer-review.

Sono previste le seguenti tipologie:

  • Saggi (scritti caratterizzati da un taglio teorico, critico, e metodologico, volti all’approfondimento tematico, alla discussione e rilettura di argomenti storici di respiro generale): max. 50.000 battute, comprese note, riferimenti bibliografici e didascalie.
  • Ricerche (scritti originali su specifici argomenti di carattere storico-analitico, basati sull’indagine condotta su fonti primarie e con risultati inediti sul piano storiografico): max. 50.000 battute, comprese note, riferimenti bibliografici e didascalie.
  • Microstorie (scritti che si caratterizzano per la peculiarità e la novità del tema trattato, con un taglio analitico che privilegia storie circoscritte, inedite e poco divulgate o che attinge anche a settori ai confini della disciplina): max. 30.000 battute, comprese note, riferimenti bibliografici e didascalie)
Ciascun testo dovrà essere accompagnato da un abstract (max. 150 parole o 1.000 battute) in italiano e in inglese, dall’indicazione di massimo 5 parole chiave, in italiano e inglese, relative sia ai temi sia agli autori trattati, e da una breve biografia (max, 150 parole o 1.000 battute), in italiano e inglese.

Le norme redazionali da seguire nella preparazione dei testi sono in fase di revisione; saranno fornite successivamente agli autori.

Per l’apparato iconografico, gli autori potranno fornire al massimo 10 immagini libere da diritti, accompagnate da didascalie complete con indicazione di eventuali crediti.

 

Per maggiori informazioni