News

Architettura di luce
Inizia il 22 giugno a Milano il seminario 'La luce come materiale costruttivo e interpretativo', dedicato al ruolo della luce come strumento per dare forma e spessore alle architetture e ai materiali anche grazie al suo significato simbolico e spirituale.

"La prima relazione", spiegano gli organizzatori, "considera l’illuminazione come un fatto culturale prima ancora che tecnico, secondo un approccio teso a considerare la luce quale strumento di progettazione integrata a livello urbanistico. Nelle relazioni successive si analizza il rapporto tra luce e design attraverso l’esperienza del Compasso d’Oro, tra produzione di soluzioni e produzione di significati."
 
Si proseguirà con l'analisi degli elementi connotativi del design della luce e con il tema specifico della luce nello spazio sacro. In particolare l’intervento di don Pierluigi Lia proporrà alcune considerazioni sul rapporto tra vetrate colorate e pareti dipinte nelle architetture del XIII secolo, fino ad arrivare ai caratteri dell’installazione di Dan Flavin alla Chiesa Rossa di Milano, per sottolinearne il carattere di interpretazione e redesign dello spazio architettonico.
 
Infine si discuterà sulla soluzione illuminotecnica adottata in due progetti: il Cenacolo vinciano e la chiesa moderna di San Francesco a Imola, accennando alle caratteristiche della tecnologia LED, a confronto con i problemi conservativi e di fruizione dei luoghi dell’arte.
 
IL seminario è organizzato dall'Ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti e consevatori della provincia di Lecco, insieme con l'Arcidiocesi di Milano e ocn il Museo Diocesano di Milano. Ha tra gli altri il patrocinio dell'ADI e permette ai membri dell'Ordine degli Architetti di conseguire 4 CFP.

Sarà sguito da altri quattro incontri ì, in un ciclo intitolato Design Behind Design, che prosegue fino al prossimo ottobre.

 
 
 
La Luce come materiale costruttivo e interpretativo
22 giugno, ore 16 -20
Museo Diocesano, Corso di Porta Ticinese 95, Milano
 
In alto: lo schema dell'installazione al neon di Dan Flavin nella chiesa milanese di Santa Maria Annunciata in Chiesa Rossa, 1997.