News & Press

Milano-Pechino: innovazione e ricerca
Firmato a Pechino un accordo di collaborazione tra il Politecnico di Milano e la Tsinghua University: sarà a Milano il polo europeo della ricerca e dell’innovazione della più importante università cinese. Alla firma dell’accordo erano presenti per l’Italia il ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca Valeria Fedeli e il ministro cinese della Scienza e della Tecnologia Wan Gang.

L’accordo per la piattaforma di ricerca italo-cinese segue a una dichiarazione d’intenti congiunta firmata a Roma nello scorso febbraio dal Presidente cinese Xi Jinping e dal Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella.



L'intervento del ministro italiano per l'Istruzione, l'Università e la Ricerca Valeria Fedeli.
 

Alla cerimonia di Pechino – cui erano presenti anche il presidente dell’ADI Luciano Galimberti e Lu Xiaobo, docente alla Tsinghua University e giurato dell’edizione 2017 dell’ADI Compasso d’Oro International Award – sono stati siglati due accordi che definiscono concretamente due ambiti della collaborazione: uno, firmato dal rettore del Politecnico di Milano Ferruccio Resta, riguarda la collaborazione delle due università per la ricerca congiunta. I laboratori del Politecnico di Milano entreranno in contatto con aziende cinesi per lavorare insieme sui temi del design e della tecnologia.



L'ADI e il Compasso d'Oro nella sede della cerimonia.

Il secondo accordo, firmato per il Politecnico dal prorettore Giuliano Noci, riguarda più particolarmente il trasferimento delle conoscenze tecnologiche e delle soluzioni organizzative, con uno scambio tra imprese italiane e cinesi, e la promozione di start-up da parte degli organismi del Politecnico di Milano (Polihub) e del grande incubatore d’impresa cinese Tus Star, collegato alla Tsinghua University.

Ampia la gamma delle attività, dalla didattica alla formazione dei professionisti, alla promozione dei giovani talenti nei campi del design di prodotto, della moda, del Business Design, della fabbricazione intelligente  e delle tecnologie agricole.



Lu Xiaobo e Luciano Galimberti.

Per l’ADI si tratta di un ulteriore approfondimento istituzionale dei rapporti con il sistema del design cinese, che si sono fatti sempre più stretti dopo l’accordo con la CIDA, China Industrial Design Association firmato nel novembre 2014 e la partecipazione attiva alla World Industrial Design Conference 2017 del giugno scorso ad Hangzhou, Nel prossimo dicembre la cerimonia di premiazione dell’ADI Compasso d’Oro International Award 2017 si terrà, oltre che a Milano, anche nella stessa Hangzhou.

“La firma di questo accordo”, spiega Luciano Galimberti, “fa parte del panorama di un sempre maggiore impegno dell’ADI sulla scena cinese, in cui i rapporti istituzionali vengono valorizzati e le occasioni di scambio e di collaborazione si fanno sempre più numerose e fruttuose.”