News

Il futuro del bagno: dialogo tra progetto e impresa
Aziende, architetti, progettisti e designer, produttori, uffici marketing rivenditori, installatori. Sono diversi gli attori del sistema bagno che incidono sulla scelta, sulla percezione e soprattutto sulla soddisfazione dell'utente finale. Ma parlano tutti la stessa lingua?

Le esigenze dei consumatori puntano sempre più alla semplificazione e alla visione d'insieme. Entro un decennio non si potrà prescindere da un sistema integrato che soddisfi i diversi aspetti, dall'arredo alle caratteristiche tecniche e alla funzionalità, dall'estetica al benessere del corpo e dello spirito.Agli architetti e ai designer spetta il compito di integrare tutte queste diverse esigenze diverse esigenze. A loro è rivolto il convegno milanese Il bagno che verrà, ideato per instaurare un dialogo aperto e costruttivo tra progettisti e mercato.

Intervengono Marina Baracs, Nisi Magnoni, Luigi Marchetti, Carlo Martino, Roberto Palomba, Andreas Haug, Marc Sadler, Michael Sieger, Giovanna Talocci, Matteo Thun. Introduce Enrico Finzi, presidente di Astraricerche, che insieme con le conclusioni proporrà anche un suo Decalogo per il 2020 destinato agli operatori del settore. Modera Oscar G. Colli, membro dell'Osservatorio Permanente del Design ADI.

Il convegno è ideato e promosso da MA&MA in collaborazione con Catalano, Dornbracht, Geberit, Kaldewei, Karol, Tubes.


Il bagno che verrà
Prove di dialogo tra progettisti e mercato

14 marzo, ore 9.30
Auditorium Sole24Ore
via Monte Rosa 91, Milano