News

Lenci: arte e industria
Piccole e grandi sculture d'arredo create nei laboratori torinesi della Lenci tra il 1927 e il 1937 sono in mostra a Torino fino al 27 giugno. Dal 1927 la ditta Lenci, fino a quel momento nota per le bambole e gli arazzi in pannolenci, iniziò a produrre opere in ceramica. Per circa dieci anni si sviluppò una produzione ricca e varia per stile e temi, che documenta la ricchezza del tessuto artistico torinese negli anni tra le due guerre mondiali.


“Lenci”, sottolineano i curatori della mostra Valerio Terraroli, dell'Università di Torino, e Enrica Pagella, direttore di Palazzo Madama - Museo Civico d'Arte Antica, “è emblematica della volontà di coniugare – con originalità e proposta – due poli come arte e industria, nell'occasione valutati tutt'altro che contrapposti o incompatibili. E il compendio di questa fortunata congiuntura è proprio la sottigliezza della vicenda imprenditoriale Lenci, che trasforma una serie d'intuizioni sul gusto contemporaneo in un'azienda da 600 dipendenti.”


 
Un vaso di Mario Sturani intitolato Il mondo e la luna.
 
 
Parallela al valore di cultura imprenditoriale dell’attività di Lenci c’è la sua qualità artistica: nell'ideazione e nella produzione furono coinvolti artisti molto diversi come Mario Sturani, Giovanni e Ines Grande, Elena Scavini, Felice Tosalli, Gigi Chessa, Sandro Vacchetti, Abele Jacopi, Nillo Beltrami, Claudia Formica.
 
Grazie a loro Lenci divenne celebre per le sue sculture d’arredo personalissime e molto riconoscibili, innovative e connessi all'arte contemporanea italiana ed europea oppure legate alle tradizioni popolari. 
 

 
Una Marlene Dietrich di Abele Jacopi.
 
 
La mostra propone oltre 100 sculture in ceramica, affiancate da numerosi gessi preparatori, disegni e bozzetti, ed è promossa da Palazzo Madama, Museo Civico d'Arte Antica, Fondazione Torino Musei e la Consulta per la valorizzazione dei beni artistici e culturali di Torino. Il catalogo è pubblicato dalla casa editrice Umberto Allemandi di Torino.
 
 
23 marzo-27 giugno
Palazzo Madama, Sala del Senato
Piazza Castello Torino